Archivio per luglio 2017

COMPIERE NOVANT’ANNI

Sono contro le guerre e le battaglie

non voglio primeggiare ma aiutare

me stessa insieme agli altri a progredire

nel meglio che si può con voglia e gioia.

Essere insieme con piacere vivi

nel meglio che si può senza disguidi

accettando il difficile complesso

che equipara la fine col principio.

Compiere novant’anni è un’avventura

che occorre amministrare con pazienza

festeggiando godendo convogliando

nel vago sempre bene festeggiando.

28 luglio 2017

IL PIU’ GRANDE ERRORE DI EINSTEIN

Ho scorso: “IL PIU’ GRANDE ERRORE DI EINSTEIN – Vita di un genio imperfetto” di David Bodanis. “Ritenuto uno dei geni più grandi di tutti i tempi, Albert Einstein con la sua teoria della relatività ha rivoluzionato la nostra comprensione del cosmo. Eppure quest’uomo geniale e visionario ha trascorso gli ultimi decenni della sua vita in una sorta di isolamento intellettuale, ignorato dalla comunità scientifica e criticato persino dai suoi stessi amici. Che cosa è successo? Com’è possibile che da un grande trionfo sia scaturito uno scacco altrettanto grande? Per rispondere a queste domande, David Bodanis, già storico del pensiero all’Università di Oxford e autorevole divulgatore scientifico, ripercorre l’avventura umana e professionale di Albert Einstein; un cammino, quello del fisico tedesco, costellato di certezze e ripensamenti, di solide convinzioni e dubbi laceranti. A partire dal 1905, l'”annus mirabilis” della pubblicazione degli articoli che portarono alla formulazione della teoria della relatività ristretta, per arrivare poi agli scritti sulla relatività generale – al cuore della quale si trova la magnifica equazione G = T con cui Einstein svelava le caratteristiche insospettate del tempo e dello spazio -, Bodanis espone con rigore e semplicità le sensazionali scoperte del giovane scienziato nonché il contesto culturale che le accolse, dapprima con circospezione e in seguito con crescente entusiasmo. Ma ricostruisce anche le vicende che portarono Einstein a commettere il suo «più grande errore», allorché, rifiutando di dare credito alle evidenze sperimentali che una nuova generazione di ricercatori aveva prodotto in contrasto con le sue teorie, egli distolse caparbiamente lo sguardo dalle prospettive della fisica moderna.”

  • Non temere la morte né cercarla
  • vedere il mondo oltre noi la vita
  • che continua s’inceppa si distende
  • memoria di speranza e di futuro.
  • .
  • Continuare la vita oltre la morte
  • vuol dire religione fede senso
  • limitato infinito incoercibile
  • o memoria futura conquistata.
  • .
  • Il piacere il dovere l’attenzione
  • nei limiti del giusto inoffendibile
  • lasciarsi trasportare fare dire
  • seguendo le avventure incontri scontri.
  • 2011

IL SANGUE DEL SUD

Ho letto: “IL SANGUE DEL SUD – Antistoria del Risorgimento e del brigantaggio” di Giordano Bruno Guerri. “In questo libro, ricco di un’avvincente documentazione, Giordano Bruno Guerri rilegge la vicenda del Risorgimento e del brigantaggio come una “antistoria d’Italia”: per liberare i fatti dai troppi luoghi comuni della storiografia postrisorgimentale (come la pretesa arretratezza e miseria del Regno delle Due Sicilie al momento della caduta) e per evidenziare invece le conseguenze, purtroppo ancora attualissime, della scelta di affrontare la “questione meridionale” quasi esclusivamente in termini di annessione, tassazione, leva obbligatoria e repressione militare. Il Sud è stato trattato come una colonia da educare e sfruttare, senza mai cercare davvero di capire chi fosse l'”altro” italiano e senza dargli ciò che gli occorreva: lavoro, terre, infrastrutture, una borghesia imprenditoriale, un’economia moderna. Così, le incomprensioni fra le due Italie si sono perpetuate fino ai nostri giorni. Alcuni briganti spiccano per doti – umane e di comando – non comuni, come Carmine Crocco, che per tre anni tenne in scacco l’esercito italiano; e così le brigantesse, donne disposte a tutto per amore e ribellione; altri rientrano più facilmente nel cliché del bandito o dell’avventuriero, ma tutti contribuiscono a dare volti e nomi a una triste e sanguinaria pagina della nostra storia, che si voleva cancellare. “Non si tratta di denigrare il Risorgimento, bensì di metterlo in una luce obiettiva, per recuperarlo – vero e intero – nella coscienza degli italiani di oggi e di domani”

  • Quelli del Sud invece di fermarsi
  • buoni e zitti incantati ad ammirare
  • han proseguito per la loro strada
  • dove nel mezzo c’è scappato morto
  • il nono candidato alle elezioni,
  • che continua le bombe di Milano
  • e le stragi di Brescia, dell’Italicus
  • come il processo di condanna a Sofri.
  • 3 Maggio 1990

Poesie d’autore online

Benvenuti nel nuovo blog di Poesie d'autore redatto da Oretta Dalle Ore, che scrive poesie da mezzo secolo, è in internet dal 1996 ed editrice dal 2003. Oretta ha recitato poesie con successo in Svezia, Iran e Germania.

Scrivete a oretta@oretta.it

Oretta pubblica anche un blog di poesie tradotte in inglese.

Potete anche accedere al vecchio blog.

Buona lettura!

Categorie

Potete ricevere aggiornamenti al sito automaticamente. Inserite il vostro indirizzo email (e si può cancellare in qualsiasi momento).

Segui assieme ad altri 92 follower

Wordpress
Amministra il sito

Poesie Oretta
Poesie scritte da Oretta Dalle Ore
© Copyright 2003 - 2009
Tutti i diritti riservati.