ALMENO IL PANE, FIDEL!

Ho letto: “ALMENO IL PANE, FIDEL! Cuba quotidiana, il periodo speciale, il potere a Raul” di Gordiano Lupi. “Per anni e anni la maggior parte dei giornali ha dipinto Cuba come un paradiso. Cuba è (stato) l’ultimo paese comunista, non è però un paradiso e c’è da sospettare che mai lo sarà: “Sfatiamo anche i soliti luoghi comuni che dipingono Cuba come un posto dove sanità e istruzione sono ai massimi livelli. La scuola insegna soprattutto obbedienza al regime e retorica da Stato dittatoriale, mentre i libri sui quali studiano i ragazzi ricordano i testi approvati dal Minculpop di fascista memoria.” Dopo la dipartita di Fidel Castro (L’Avana, 25 novembre 2016), il potere è adesso nelle mani di suo fratello, Raúl Castro. Forse sbaglio, ma temo che il castrismo non sia affatto morto con Fidel. Quanto è cambiata Cuba in questi ultimi dieci anni? E’ ancora la Cuba del periodo speciale

Nessun paese diventerà mai un paradiso, credo. Quel che si chiedeva a Cuba non era di diventare un paradiso, ma di non tradire attese e aspettative. La Rivoluzione, invece, si è trasformata in una dittatura oligarchica dove una gerontocrazia al potere ha imposto le sue regole, in barba a ogni principio democratico. La morte di Fidel non cambia le carte in tavola, ben disposte in favore del Partito Comunista, la sola speranza resta nei giovani, nella lungimiranza degli eredi dei vecchi rivoluzionari. Per Cuba ci sarà ancora molto da soffrire, purtroppo, nonostante i presunti cambiamenti. Ricordi Il gattopardo? Che tutto cambi perché niente cambi…”

  • .
  • Sono contro le guerre e le battaglie
  • della competizione avanti e indietro,
  • siamo troppi nel mondo ammonticchiati
  • dal progresso: miliardi ultra miliardi.
  • .
  • Dire fare campare non competere
  • occorre donne uomini e bambini
  • i conti con la vita e con la storia
  • bisogna nel possibile smistare.
  • .
  • I limiti potere investimenti
  • bisogna riconoscere e salvare
  • domani è un altro giorno che cammina
  • con quello che è successo e che succede.
  • 6 maggio 2017

0 Responses to “ALMENO IL PANE, FIDEL!”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




Poesie d’autore online

Benvenuti nel nuovo blog di Poesie d'autore redatto da Oretta Dalle Ore, che scrive poesie da mezzo secolo, è in internet dal 1996 ed editrice dal 2003. Oretta ha recitato poesie con successo in Svezia, Iran e Germania.

Scrivete a oretta@oretta.it

Oretta pubblica anche un blog di poesie tradotte in inglese.

Potete anche accedere al vecchio blog.

Buona lettura!

Twitter – orettapoesia

Categorie

Potete ricevere aggiornamenti al sito automaticamente. Inserite il vostro indirizzo email (e si può cancellare in qualsiasi momento).

Segui assieme ad altri 150 follower

Archivio

Wordpress
Amministra il sito

Poesie Oretta
Poesie scritte da Oretta Dalle Ore
© Copyright 2003 - 2009
Tutti i diritti riservati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: