Archivio per marzo 2017

IL POTERE è NOIOSO

Ho scorso: “IL POTERE è NOIOSO – Il mondo globalizzato raccontato dal più anarchico degli economisti” di Alberto Forchelli con Michele Mengoli. “Accettate il consiglio. Lavorate di più e con maggiore attenzione. Pensate al futuro dei figli. Se siete giovani, sbrigatevi a emigrare. Leggete molto, soprattutto la stampa straniera. Se non sapete l’inglese imparate almeno a leggerlo. Evitate di seguire assiduamente la politica italiana, ma non perdete mai di vista ciò che succede vicino a voi. Osservate il mondo, interessatevi a tutto ciò che è nuovo, a livello di costume, consumi, prodotti e servizi. Non guardate la Tv. Sforzatevi di immaginare se esistono attività imprenditoriali che potete intraprendere anche in rete, o come secondo lavoro. Non abbiate paura di fare lavori manuali, non siate schizzinosi. Se non avete tempo o soldi per viaggiare fisicamente, fatelo sull’iPad. Non fate nessun affidamento sulla pensione. Non investite in titoli di Stato italiani. Rassegnatevi a lavorare fino a settant’anni e più. Non smettete di trombare. Cercate nella storia italiana dei modelli da seguire, dimenticatevi di quello che ci circonda. E non litigate mai con un sottoposto, ma sempre con chi sta sopra di voi. Altrimenti, dove starebbe il divertimento?”

  • Non annoiarsi mai, trovare il bandolo
  • della matassa, che ogni giorno esprime
  • per se stessi e per gli altri, avanti e indietro.
  • Fuggire i nubifragi stando quieti
  • per placarli al possibile con calma
  • senza negarli né perseguitarli.
  • Siamo troppi nel mondo, andare avanti
  • evitando il possibile mal fare
  • farsi aiutar nel mentre che si aiuta
  • tenendosi tranquilli fuori zona.
  • Accettare il possibile far oltre
  • senza fare mai troppo vecchia e stanca
  • Confidare negli altri e nelle altre
  • pochi insieme trovandosi mai molti
  • ma sempre con qualcuno o con qualcuna
  • la morte viene sempre e prende tutti
  • bisogna ricordare e sopportare.
  • 2017

L’ANIMA DELL’OCCIDENTE

Ho letto: “L’ANIMA DELL’OCCIDENTE – Un giudizio” di Rabindranath Tagore. “Negli anni cruciali tra le due guerre, Rabindranath Tagore conduce una riflessione lucida e appas­sionata sul trionfo della cultura occidentale e sulla sua imposizione ai popoli dell’Asia. E il pensiero di un poeta che sa scavalcare le trappole dell’ideologia, di una mente in perfetto equilibrio tra la fedeltà alla propria tradizione e la conoscenza profonda di quella europea. Per Tagore è l’anima stessa dell’Occidente — i valori del Cristianesimo e della grecità – ad essere per prima tradita dalla deriva di una modernità fondata sugli idoli del successo e del denaro. In Un giudizio, un articolo del 1925, l’analisi dei rischi del progresso, la condanna del nazionalismo e dell’imperialismo e lo smascheramento dell’arroganza civilizzatrice dell’Occidente si accompagnano alla denuncia del sentimento di sudditanza espresso da chi ha subito la colonizzazione. L’incontro di Oriente e Occidente, una conferenza pronunciata a New York nel 1930, precisa l’ideale di un nuovo umanesimo, cosmopolita e mosso da una reale conoscenza tra i popoli. Tagore indica in Gandhi l’esempio vivente di una morale au­tenticamente orientale che tuttavia può parlare a tutto il mondo. E agli esseri umani di ogni continente, oggi come allora, rivolge l’invito ad assumere una presa di posizione etica nei confronti di quello che ci viene pre­sentato come ineluttabile risultato del progresso.”

  • Darsi senso è difficile e complesso
  • in un mondo di folle che si accalcano
  • rovesciandosi contro grida insulti
  • con un pensiero unico che cambia
  • voltando e rivoltando la gabbana.
  • Conservare il giudizio dell’inconscio
  • camminando nel prato sopra l’erba
  • può accadere tra gli alberi e il silenzio.
  • 2006

IL POLLICE DEL VIOLINISTA

Ho letto: “IL POLLICE DEL VIOLINISTA” di Sam Kean. “La specie umana è stata sul punto di estinguersi? Può la genetica spiegare l’amore ossessivo di certe persone per i gatti? Perché nascono individui privi di impronte digitali e bambini con la coda? Che cosa possono dirci i geni sulla morte prematura del faraone Tutankhamon o sulla vicenda di Tsutomu Yamaguchi, il giapponese sopravvissuto a due esplosioni nucleari? Quale combinazione genetica creò le dita straordinariamente flessibili di Paganini? Con la consueta brillantezza e il peculiare gusto per l’aneddoto scientifico, Kean esplora queste e altre questioni, e ci mostra come da qualche parte, nel groviglio di filamenti della doppia elica, si trovino le risposte a molti misteri sugli esseri umani. La decifrazione del codice genetico non è stata facile, ma grazie a essa gli scienziati sono ora in grado di leggere le storie stupefacenti e vecchie di migliaia (o a volte milioni) di anni scritte nel nostro dna. Come un antico oracolo che non ha ancora smesso di parlare, il dna sa raccontarci le grandi saghe delle origini e dell’evoluzione della nostra specie, la più dominante che il nostro pianeta abbia conosciuto, e insieme le semplici storie individuali, dimostrando l’impatto decisivo che l’eredità genetica ha sul destino di ciascuno di noi. Ma non si pensi che il sequenziamento del genoma umano rappresenti un punto d’arrivo. Le nuove frontiere dell’ingegneria genetica aprono prospettive che ci affascinano e al tempo stesso ci terrorizzano, specie quando lasciano intravedere la possibilità di «modificare la nostra stessa essenza chimica, e di inventare da capo la vita».

  • .
  • Un’infanzia difficile e perversa
  • m’è successo di vivere e patire
  • senza sogni agitandomi dormendo
  • la destra e la sinistra confondendo.
  • .
  • Con l’aiuto di tanti vado avanti
  • cercando di aiutarli nel possibile
  • la scambio è una fortuna dire e fare
  • che dischiude il destino e l’accomuna.
  • 29 marzo 2017

Poesie d’autore online

Benvenuti nel nuovo blog di Poesie d'autore redatto da Oretta Dalle Ore, che scrive poesie da mezzo secolo, è in internet dal 1996 ed editrice dal 2003. Oretta ha recitato poesie con successo in Svezia, Iran e Germania.

Scrivete a oretta@oretta.it

Oretta pubblica anche un blog di poesie tradotte in inglese.

Potete anche accedere al vecchio blog.

Buona lettura!

Categorie

Potete ricevere aggiornamenti al sito automaticamente. Inserite il vostro indirizzo email (e si può cancellare in qualsiasi momento).

Segui assieme ad altri 92 follower

Wordpress
Amministra il sito

Poesie Oretta
Poesie scritte da Oretta Dalle Ore
© Copyright 2003 - 2009
Tutti i diritti riservati.