Archivio per dicembre 2016



BREVE STORIA DELLA MIA FILOSOFIA

Ho scorso: “BREVE STORIA DELLA MIA FILOSOFIA” di Agnes Heller. “Àgnes Heller racconta per la prima volta il suo cammino filosofico, intrecciando lo sviluppo delle proprie idee alle sfide storiche e politiche del suo tempo (dai Gulag ad Auschwitz, dalla rivoluzione all’emigrazione). La storia del suo pensiero viene presentata in quattro tappe: gli “anni dell’apprendistato”, a lezione da György Lukàcs, prima e dopo la rivoluzione ungherese; gli “anni del dialogo”, epoca di fermento, discussione e condivisione all’interno della cosiddetta Scuola di Budapest; gli “anni della costruzione e dell’intervento”, caratterizzati dall’impegno politico durante l’esilio australiano; infine, gli “anni della peregrinazione”, fra lezioni e conferenze in giro per il mondo, dopo la morte dell’ultimo marito Ferenc Fehér. Un avventura intellettuale di straordinaria intensità che attraversa l’intero “secolo breve” e si confronta con il vortice dei suoi più scandalosi enigmi.”

  • Il caso nella vita è il cambiamento
  • da capire seguire abbandonare
  • ascoltando provando rifiutando
  • col cuore con la mente e l’esperienza
  • di se stessi e degli altri nell’andare.
  • 2005

FILOSOFIA-SCHERMI

Ho letto sempre più scorrendo: “FILOSOFIA-SCHERMI – Dal cinema alla rivoluzione digitale” di Mauro Carbone. “La filosofia può aiutarci a capire come la rivoluzione digitale ci sta cambiando la vita. Ma riflettere su come quella rivoluzione ci sta cambiando la vita può aiutarci a capire che filosofia fare oggi. Nulla evidenzia tali cambiamenti meglio delle nostre mutate relazioni con gli schermi. Perciò il testo ripercorre dapprima i tentativi con cui, in Francia, dove il cinema è nato, la filosofia del XX secolo, con Bergson, Sartre, Merleau-Ponty, Lyotard e Deleuze, ha cercato di misurarsi con le novità introdotte appunto dal cinema. Emerge così il problema del nesso che lega il cambiamento del dispositivo ottico assunto a modello della visione in una determinata epoca, il mutare del nostro modo di vedere il mondo e le sfide di rinnovamento che tali trasformazioni lanciano alla filosofia.
L’autore descrive poi come questo problema si è modificato alla luce delle attuali esperienze degli schermi, che non smettono di trasformarsi e di moltiplicarsi, ridisegnando le nostre relazioni con il mondo, con gli altri e anche con noi stessi. Interrogare tali esperienze, dialogando con le teorie delle immagini, del cinema e dei media, diventa inevitabile per la filosofia che oggi serve elaborare, per fare cioè una “filosofia-schermi”.

  • Lo sforzo di cercare di capire
  • d’inventare il futuro proseguendo
  • di dire controbattere tacere
  • non capendo accettare ben marciando.
  • .
  • Cercare un altro senso dire e fare
  • non è una cornucopia è una bandella
  • incomprensibilmente sviscerata
  • nel nulla fuori testa spazio tempo.
  • .
  • Quello di non capire è il mio coraggio
  • di accettare l’ignoto incomprensibile
  • della lingua che cambia digitale
  • godendo del saputo senza inganni.
  • 2012

FILOSOFI

Ho letto: “FILOSOFI – La filosofia attraverso le prime righe dei suoi capolavori” di Pietro Emanuele. “Gli esordi delle opere migliori non sono mai semplici inizi, ma scintille destinate ad accendere la curiosità del lettore, perché concentrano in pochi caratteri un pensiero di grande impatto e rilevanza. A partire da questa convinzione, l’autore disegna un percorso attraverso la storia della filosofia, scegliendo gli incipit più famosi, quelli che hanno acceso grandi dibattiti, stimolando gli interrogativi più profondi e scuotendo la vita culturale dei loro contemporanei. Da Aristotele a Epicuro, da Cartesio a Voltaire, da Marx a Freud, fino a Jaspers, Ricoeur e Fromm.”

  • Le previsioni son timori inutili
  • e speranze inaudite da ascoltare
  • convertire il sapere è una quisquilia
  • che capita talvolta di apprezzare.
  • .
  • La lettura che incombe è un piacer essere
  • è voglia di persistere e tacere
  • è gran comunicazione futuribile
  • del vecchio già pensiero da lasciare.
  • 2012

Poesie d’autore online

Benvenuti nel nuovo blog di Poesie d'autore redatto da Oretta Dalle Ore, che scrive poesie da mezzo secolo, è in internet dal 1996 ed editrice dal 2003. Oretta ha recitato poesie con successo in Svezia, Iran e Germania.

Scrivete a oretta@oretta.it

Oretta pubblica anche un blog di poesie tradotte in inglese.

Potete anche accedere al vecchio blog.

Buona lettura!

Categorie

Potete ricevere aggiornamenti al sito automaticamente. Inserite il vostro indirizzo email (e si può cancellare in qualsiasi momento).

Unisciti ad altri 156 follower

Archivio

Wordpress
Amministra il sito

Poesie Oretta
Poesie scritte da Oretta Dalle Ore
© Copyright 2003 - 2009
Tutti i diritti riservati.