Archivio per settembre 2016

Il mutualismo

Ho letto: “Il mutualismo – Per un nuovo stato sociale” di Sandro Antoniazzi, Marco Carcano, Sergio Zaninelli. “Il mutualismo costituisce un grande tema suggestivo, quasi un mito delle origini, radicato nella memoria delle classi lavoratrici e popolari, ricordo di un tempo in cui le traversie e le sventure di una condizione avversa venivano affrontate insieme Mito di una solidarietà immediata, diretta, viva, e proprio per questo simbolo di un ideale che non può tramontare, in quanto rappresentativo non solo di un passato glorioso, ma anche di un orizzonte futuro, irraggiungibile nella sua pienezza, ma degno di essere perseguito In questo libro gli autori tracciano una sintesi storica delle società di mutuo soccorso prima e dopo la nascita dello Stato unitario, seguendone gli sviluppi lungo tutto il XX secolo nei diversi percorsi dei movimenti di ispirazione socialista e cattolica.”

  • Michele m’hai spiegato il giusto mezzo
  • o l’ ” In medio stat virtus ” del latino :
  • non è come pensavo la metà
  • ma è mettersi nel mezzo per comprendere
  • che se dice uno nero e l’altro bianco
  • parlandosi è possibile trovare
  • tutti i colori dell’arcobaleno
  • che il sole con la pioggia può rifrangere.
  • L’ “In medio “non c’è più, ci sono i media
  • che qualunque colore fanno grigio,
  • e la pioggia è diversa, il sole abbacina.
  • Michele sei andato, noi restiamo
  • ancora un po’ di tempo qui a combattere
  • per i colori dell’arcobaleno.
  • 1990

Filosofia in gioco

Ho letto: “Filosofia in gioco” di Ermanno Bencivenga. “Quello di una bimba di due anni che esplora e sovverte il suo ambiente quotidiano è detto gioco, ma che cosa ci autorizza a usare la stessa parola per il calcio o per gli scacchi? E che dire di quanti hanno parlato dell’arte, della letteratura e della filosofia come di sublimi giochi intellettuali? Ermanno Bencivenga si inoltra nel labirinto delle mille accezioni del termine gioco, fra sentieri tortuosi, svolte impreviste e vicoli ciechi.”

  • Giocare con la lingua e con la logica
  • bisogna e conservare il proprio andare
  • dare spazio ai bambini voglia impegno
  • occorre e preservare il loro esistere.
  • 2014

Filosofia della percezione

Ho scorso: “Filosofia della percezione” di Clotilde Calabi. “I filosofi spesso si meravigliano di cose che la maggior parte delle persone non nota neppure: Socrate trovava sorprendente il fatto che qualcuno potesse apparire più piccolo in lontananza senza rimpicciolire davvero e Kant si chiedeva come accade che gli specchi invertano la destra e la sinistra, ma non l’alto e il basso. Quello che vediamo, tocchiamo o sentiamo pone quotidianamente alla nostra attenzione problemi e stranezze di difficile soluzione. Per esempio, come mai l’immagine retinica è piatta ma noi vediamo gli oggetti tridimensionali? E perché al variare dell’illuminazione non cambia la nostra percezione del colore di un oggetto? I filosofi della percezione cercano di rispondere a questi e altri quesiti partendo dalla domanda fondamentale: cos’è la percezione? cosa significa “vedere” e “sentire” qualcosa? Questo volume è un’introduzione accessibile ai temi e ai problemi della filosofia della percezione.”

  • In giro salutare sorridendo
  • per ridare al reale percezione
  • di se stessi e degli altri nel cammino.
  • 14-04-06

Poesie d’autore online

Benvenuti nel nuovo blog di Poesie d'autore redatto da Oretta Dalle Ore, che scrive poesie da mezzo secolo, è in internet dal 1996 ed editrice dal 2003. Oretta ha recitato poesie con successo in Svezia, Iran e Germania.

Scrivete a oretta@oretta.it

Oretta pubblica anche un blog di poesie tradotte in inglese.

Potete anche accedere al vecchio blog.

Buona lettura!

Categorie

Potete ricevere aggiornamenti al sito automaticamente. Inserite il vostro indirizzo email (e si può cancellare in qualsiasi momento).

Segui assieme ad altri 80 follower

Wordpress
Amministra il sito

Poesie Oretta
Poesie scritte da Oretta Dalle Ore
© Copyright 2003 - 2009
Tutti i diritti riservati.