Archivio per settembre 2015

Contro le elezioni

Ho letto: “Contro le elezioni – Perché votare non è più democratico” di David Van Reybrouck. “In tutta Europa, i cittadini votano sempre meno, sono sempre più inclini a prestare fede a retorichepopuliste, non credono più nella classe politica. Che fare? David van Reybrouck porta alla luce un dibattito sui pregi e i difetti della democrazia partecipativa che nelle università è in corso da tempo, e offre al lettore una serie incredibile di idee nuove, esperienze pratiche, tentativi concreti di nuovi modelli di governance. Ma cosa significa per una società contemporanea fare a meno delle elezioni? Come potrebbero essere prese le decisioni politiche? Da chi? Con quali regole e garanzie? E perché sorteggiare i parlamentari più o meno come si fa con le giurie popolari nei tribunali potrebbe dare risultati migliori di quelli attuali?
Un libro che apre la mente, che toglie molta polvere e molte ragnatele dal dibattito sulla crisi della democrazia, che fa strage di luoghi comuni e retoriche consolidate, per andare al nocciolo di un problema attualissimo. “Stiamo distruggendo la nostra democrazia limitandola alle elezioni, quando in realtà le elezioni stesse non sono state inventate come uno strumento democratico.” Un’audace proposta contro la crisi della democrazia: abolire le elezioni per salvare la partecipazione dei cittadini alla vita politica.”

  • Andare avanti e indietro scombinare
  • l’ingorgo presuntuoso ammanettato
  • dai limiti degli altri dissipati
  • nell’aria nuvolosa cielo e terra.

Gemmare speranze

  • Siamo tanti nel mondo ma esistiamo
  • in poco spazio alieni tutti quanti
  • contare ricontare non ha senso
  • ma gemmare speranze ancora aiuta.
  • .
  • Gli aiuti per capire valutare
  • con la propria ignoranza mezzi fine
  • nei gangli del possibile additare
  • le proprie insofferenze piccoline.
  • .
  • Trovare i propri limiti e i difetti
  • del dire avanti e indietro poesia
  • non farsi ingarbugliare protestando
  • né accontentarsi troppo ma un po’ sì.

L’età del caos

Ho scorso poco leggendo: “L’età del caos – Viaggio nel grande disordine mondiale” di Federico Rampani. “Vista dagli Stati Uniti, l’Italia fa notizia perché è quel piccolo paese dove approdano ondate di disperati, costretti ad attraversare il Mediterraneo per fuggire a devastazioni molteplici: l’avanzata dello Stato Islamico, le guerre civili, la miseria. La Germania è un colosso economico dai piedi d’argilla, prepotente e timida al tempo stesso, incapace di dare all’Europa un progetto nuovo, forte e convincente. La Nato si riarma per far fronte a Vladimir Putin, ma gli europei hanno altro a cui pensare: i figli senza lavoro o sottopagati, i tagli alle pensioni, i servizi pubblici in declino, l’insicurezza sociale. Non sta molto meglio la “mia” America. Dopo sei anni di crescita, la maggioranza continua a pensare che “il paese è sulla strada sbagliata”. Anche qui molti giovani, pur avendo sbocchi professionali migliori dei loro coetanei in Europa, non possono aspirare al tenore di vita dei genitori. Pesa anche la perdita di una missione. La nazione leader non crede più possibile una pax americana nel mondo. Insomma, siamo i primi testimoni di un evento epocale, la fine del dominio dell’uomo bianco sul pianeta. Il pendolo della storia torna dove l’avevamo lasciato cinque secoli fa, quando il baricentro del mondo era Cindia, l’area più ricca e avanzata, oltre che più popolosa. Ma il pendolo della storia è lento. Siamo ancora in uno di quei periodi instabili e pericolosi in cui l’ordine antico sta franando e del nuovo non c’è traccia.”

  • Siamo tanti nel mondo ma esistiamo
  • in poco spazio alieni tutti quanti
  • contare ricontare non ha senso
  • ma gemmare speranze ancora aiuta.

Poesie d’autore online

Benvenuti nel nuovo blog di Poesie d'autore redatto da Oretta Dalle Ore, che scrive poesie da mezzo secolo, è in internet dal 1996 ed editrice dal 2003. Oretta ha recitato poesie con successo in Svezia, Iran e Germania.

Scrivete a oretta@oretta.it

Oretta pubblica anche un blog di poesie tradotte in inglese.

Potete anche accedere al vecchio blog.

Buona lettura!

Categorie

Potete ricevere aggiornamenti al sito automaticamente. Inserite il vostro indirizzo email (e si può cancellare in qualsiasi momento).

Segui assieme ad altri 92 follower

Wordpress
Amministra il sito

Poesie Oretta
Poesie scritte da Oretta Dalle Ore
© Copyright 2003 - 2009
Tutti i diritti riservati.