Archivio per giugno 2015

È l’economia che cambia il mondo

Ho letto “È l’economia che cambia il mondo – Quando la disuguaglianza mette a rischio il nostro futuro” di Yanis Varoufakis. “Com’è nato il denaro? Da quando il lavoro è una merce? Che ruolo ha avuto il debito nelle società di mercato? In una lettera appassionata alla figlia adolescente, il ministro delle Finanze del governo Tsipras ripercorre le tappe fondanti della storia dell’umanità alla ricerca delle origini della disuguaglianza, attraversando i grandi temi dell’economia “per consentire al lettore di vedere la crisi con occhi diversi e di capire le vere ragioni per cui i governi si rifiutano”.

  • Non è sempre possibile sperare
  • ma bisogna piegare nello spasimo
  • la vita che continua verso l’alto
  • per togliere ludibrio al basso andare.

Per Leggere e Scrivere del Corriere della Sera

  • Carissima Saccente
  • Io ero una schizofrenica anomala, avevo amici, ricevevo in casa. Entrai in analisi come maniaca depressiva. Misi molto tempo a entrare in transfert. L’analista dopo mesi mi offerse di interrompere la cura. Decisi di continuare, perché capii che desiderava farlo. Il transfert è un innamoramento sublimato.
  • Io aiutai per anni schizofrenici e schizofreniche comunicando al di fuori del transfert.
  • Personalmente ebbi qualche vantaggio con la psicanalisi anche prima di entrare in transfert.
  • Oretta poetessa

Tecnobarocco

Ho letto: “Tecnobarocco – Tecnologie inutili e altri disastri” di Mario Tozzi. “La tecnologia del terzo millennio non aiuta gli uomini a migliorare la loro esistenza né a ridurre gli impatti sul pianeta. Non è semplice, né utile e nemmeno educativa. Essa, totalmente slegata dalla radice scientifica, è, invece, fine a se stessa, “barocca”, dannosa e insostenibile da un punto di vista ambientale. Viene spesso usata per rimediare ai danni perpetrati da una tecnologia precedente, incrementa i profitti basati sui bisogni indotti, accelera l’obsolescenza di oggetti e macchine, è costosa, fa perdere tempo. Attraverso molti esempi Mario Tozzi dimostra l’inutilità di bizzarri marchingegni che riteniamo indispensabili e di cui potremmo fare a meno. D’altro canto, egli sottolinea l’utilità di quella tecnologia semplice che ha rappresentato un vero miglioramento nelle condizioni della vita degli uomini senza compromettere l’ecosistema Terra.”

  • Fuggir le novità sconvolgimento
  • diventa un archetipo da illustrare
  • ripetere il passato è la cesura
  • che fa le novità precipuamente.

Poesie d’autore online

Benvenuti nel nuovo blog di Poesie d'autore redatto da Oretta Dalle Ore, che scrive poesie da mezzo secolo, è in internet dal 1996 ed editrice dal 2003. Oretta ha recitato poesie con successo in Svezia, Iran e Germania.

Scrivete a oretta@oretta.it

Oretta pubblica anche un blog di poesie tradotte in inglese.

Potete anche accedere al vecchio blog.

Buona lettura!

Categorie

Potete ricevere aggiornamenti al sito automaticamente. Inserite il vostro indirizzo email (e si può cancellare in qualsiasi momento).

Segui assieme ad altri 83 follower

Wordpress
Amministra il sito

Poesie Oretta
Poesie scritte da Oretta Dalle Ore
© Copyright 2003 - 2009
Tutti i diritti riservati.