Archivio per aprile 2014



Non si capisce più che cosa serva

Ho letto: “Pause – Sette oasi di sosta sull’orizzonte del silenzio” di Nicoletta Polla-Mattiot. “Ci sono momenti in cui le parole non bastano… Sono questi i momenti in cui lasciar parlare il silenzio e ascoltare fra le pieghe dell’inespresso. Ci si affaccia a un confine, a una soglia, quel “mentre”, quell’attimo di sospensione (dal rumore, dall’abitudine a dire) in cui tutto può succedere e il silenzio può diventare scoperta, scelta comunicativa e azione, non del fare, dell’essere. Pronti a partire per un viaggio in cui contano soprattutto le fermate, e con insoliti compagni di avventura…”

  • Non si capisce più che cosa serva
  • ma bisogna resistere e tacere
  • come se nulla fosse cambiamento
  • per rimanere uguali nel diverso.

Svicolare il sapere alla ricchezza

Ho letto: “Elogio di “Funny Guy” Picabia, inventore della Pop Art“ di Jean Jacques Lebel. “Prende spunto dal ritrovamento postumo di un corpus di dodici disegni di Francis Picabia risalenti al 1923 realizzati a inchiostro su carta per illustrare le copertine della rivista “Littérature”, fondata e diretta da André Breton. Per questi disegni, rimasti inediti, Picabia si appropria delle immagini pubblicitarie di una rivista o della brochure di un grande magazzino, le copia e fornisce nome e prezzo esatto di vendita di ciascun articolo. Picabia usa per la prima volta una strategia commerciale come strategia di sovversione artistica; eleva cioè la volgare propaganda commerciale a opera d’arte. Così facendo inventa la Pop Art e diventa precursore di Warhol, Lichtenstein e Rosenquist.”

  • Svicolare il sapere alla ricchezza
  • che permane si cambia s’ingarbuglia
  • che si sfoga si sfocia si alimenta
  • tutto e nulla qualcosa sopra e sotto.

L’alterato destino che si specchia

Ho letto: “Le cellule della speranza – Il caso stamina tra inganno e scienza” a cura di Mauro Capocci e Gilberto Corbellini. “Quindici anni dopo la vicenda che vide protagonista Luigi Di Bella, con il caso Stamina l’Italia si è nuovamente trovata alla mercé di falsi profeti. Questi, facendo leva sulle sofferenze dei malati e dei loro parenti, e sfruttando una diffusa e generale ignoranza, sono quasi riusciti a destabilizzare le regole più avanzate della medicina e della scienza, mettendo a rischio il funzionamento stesso del Servizio Sanitario Nazionale.”

  • L’alterato destino che si specchia
  • nel mondo dei giornali e si protrae
  • non si capisce come perché dove
  • si caccia sbalza scappa internetizza.

Poesie d’autore online

Benvenuti nel nuovo blog di Poesie d'autore redatto da Oretta Dalle Ore, che scrive poesie da mezzo secolo, è in internet dal 1996 ed editrice dal 2003. Oretta ha recitato poesie con successo in Svezia, Iran e Germania.

Scrivete a oretta@oretta.it

Oretta pubblica anche un blog di poesie tradotte in inglese.

Potete anche accedere al vecchio blog.

Buona lettura!

Categorie

Potete ricevere aggiornamenti al sito automaticamente. Inserite il vostro indirizzo email (e si può cancellare in qualsiasi momento).

Unisciti ad altri 156 follower

Archivio

Wordpress
Amministra il sito

Poesie Oretta
Poesie scritte da Oretta Dalle Ore
© Copyright 2003 - 2009
Tutti i diritti riservati.