Archivio per agosto 2012



Appunti per un commento al Convivio di Platone

Ho letto: “Appunti per un commento al Convivio di Platone” di Ortega y Gasset – A cura di Pietro Piro. “Ortega y Gasset interroga Platone, il suo celebre “Convivio”, immergendosi nelle differenze tra linguaggio parlato e scritto. Lo scritto è diminuzione della forza, della potenza espressiva dell’uomo. A partire dalla viva lingua dei greci, dal logos della democrazia, questo libro riesce a far riflettere sugli usi del linguaggio, sulla sua infinita potenza. Un grande classico della filosofia come Platone viene riletto e fatto rivivere da un interprete insuperato del nostro tempo.” I dialoghi di Platone richiedono una grande comprensione emotiva inattivabile dopo duemilacinquecento anni di interpretazioni.

  • La lettura mediatica disluna
  • l’annichilente notte impaginata
  • il futuro presente verbo antico
  • disinnesca conturba rende gaio.
  • .
  • Rovesciare gli incontri scribacchiando
  • fuori musica e ritmo per le sillabe
  • diventa stravaganza discontinua
  • e marasma silenzio imperfezione.

Sinsemie

Ho letto “Sinsemie – Scritture nello spazio” di Luciano Perondi. “La scrittura non è un sistema statico definito con l’invenzione dell’alfabeto, ma uno strumento flessibile e adattabile a contesti mutevoli, che si trasforma con il mondo con cui interagisce. Cambiare la prospettiva da cui si osserva la scrittura, porta a ricavare strumenti e strategie utili per la progettazione di artefatti grafici o sistemi di artefatti grafici complessi.”

  • L’allocato diverso fatiscente
  • bisogna disgregare accalappiando
  • con gli occhi con le orecchie del qui ora
  • gli artefatti linguistici futuri.
  • .
  • La pittura moderna ha perso gli uomini
  • e le donne dai quadri futuribili
  • continuare il passato è non risorsa
  • non saperlo pensare è un’altra cosa.

L’economia del bene comune

Ho letto a titoli e a sprazzi: “L’economia del bene comune – Un modello economico che ha futuro” di Christian Felber. “I periodi di crisi sono eventi drammatici e infelici, ma proprio in queste circostanze spesso si generano idee e concetti nuovi come risposta. L’economia del bene comune descrive un modello economico alternativo, concreto e applicabile. Il progetto è una forma di economia di mercato nel quale le motivazioni e gli obiettivi delle aziende private sono sovvertiti: dall’orientamento al puro profitto e competizione alla ricerca del bene comune e della cooperazione.”

  • Il bene il male il giusto torto e bello
  • degli altri e di se stessi non deprimere
  • avere l’indulgenza intelligenza
  • che disfiata accalora non sopprime.
  • .
  • Sperare il bello giusto consapevole
  • è la forza del tempo che conforta
  • non temere il mai troppo ma evitarlo
  • se si vuole e si può nel bene andando.
  • .
  • Accordarsi con tutti non strafare
  • cercar di limitare spese e danni
  • degli altri con i propri conseguenti
  • e dispiegarsi bene con pazienza.

Poesie d’autore online

Benvenuti nel nuovo blog di Poesie d'autore redatto da Oretta Dalle Ore, che scrive poesie da mezzo secolo, è in internet dal 1996 ed editrice dal 2003. Oretta ha recitato poesie con successo in Svezia, Iran e Germania.

Scrivete a oretta@oretta.it

Oretta pubblica anche un blog di poesie tradotte in inglese.

Potete anche accedere al vecchio blog.

Buona lettura!

Categorie

Potete ricevere aggiornamenti al sito automaticamente. Inserite il vostro indirizzo email (e si può cancellare in qualsiasi momento).

Unisciti ad altri 156 follower

Archivio

Wordpress
Amministra il sito

Poesie Oretta
Poesie scritte da Oretta Dalle Ore
© Copyright 2003 - 2009
Tutti i diritti riservati.